www.gentemotori.it (© Copyright (c) Gentemotori, All Rights Reserved)
Aggiornato il: 19/03/2012 | autore: David Giudici, www.gentemotori.it

Peugeot 208 1.6 e-HDi Allure: bella col cervello

Ben proporzionata, rimpicciolita (-7 cm rispetto alla 207) ma con una maggiore abitabilità e più spazio per i bagagli, la nuova piccola Peugeot piace per il look, le finiture e il carattere tra le curve. Arriverà ad aprile e darà dura battaglia alle contendenti del “segmento b”, che in Italia vale oltre un’auto venduta su tre. A fine estate ci sarà anche la nuova gamma di motori 3 cilindri a benzina


Peugeot 208 1.6 e-HDi Allure: bella col cervello

LA NOVITA’
“Let your body drive”: già nel claim scelto per il lancio della nuova piccola di casa Peugeot si intuiscono due degli elementi fortemente innovativi della 208. La comunicazione in inglese, per un’auto francese fino al midollo, che ha visto succedersi i vari “enfant terrible” (206), “energie intense” (207) è già una piccola rivoluzione e rivela l’intento di rivolgersi a un pubblico più giovane e allargato.
Lo stesso che non si perde per niente al mondo il divertente viral che fa da teaser all’auto su YouTube e ha già incassato oltre 3 milioni di visualizzazioni in rete. Poi, la scelta di puntare su un messaggio mirato sulla guida perché, come vedremo, pur essendo una piccola, la 208 è molto divertente tra le curve. Infine, il recupero di uno stile che ha una personalità forte, ma non difficile perché “eccessivamente caratterizzata” come probabilmente è stato per la 207.
Così, in un momento di forte contrazione del mercato, la Casa del Leone tira fuori gli artigli e propone un’auto che sposta davvero l'asticella del segmento verso l'alto in tema di stile, tecnologia (da non perdere il touch screen multimediale optional a centro plancia!) e piacere di guida. La 208 non è solo ben proporzionata e ben disegnata - la firma è di Pierre Authier - ma è anche confortevole, ben rifinita, tecnologica e come abbiamo detto divertente da guidare. Certo, quello che colpisce di più è il look, con un appeal forte, in un momento in cui tutta la categoria brilla per eccessiva “semplicità” delle forme.
SU STRADA
Tutto parte da quel volantino lì, piccolo, stile kart, che già a guardarlo vien già voglia di averlo tra le mani su una strada tormentata di curve. E la risposta alla guida è esattamente quella vorresti, affilata. Senza rinunciare al tipico comfort d’Oltralpe, la 208 passa da una curva all’altra senza essere eccessivamente morbida e poco precisa. Anzi. Anche in questo capitolo si nota la differenza rispetto alle progenitrici.
Bene anche il cambio a 6 marce della 1.6 e-Hdi, da 92 CV e 230 Nm di coppia a 1.750 giri, che abbiamo guidato per la nostra prima prova nei dintorni di Lisbona. Uno dei migliori compromessi per chi vuol fare di quest’auto anche il solo mezzo in famiglia. Lo spunto è buono in ogni condizione di marcia e i consumi dichiarati si attestano sui 26,3 km/l. Nel traffico, il sistema start&stop della 208 è quasi inavvertibile per precisione di funzionamento e velocità di riavvio al semaforo.
Buona anche l'insonorizzazione, in autostrada a 130 km/h in abitacolo non vola una mosca. Storcerà forse il naso la suocera, perché non ha la sua brava maniglia sul tetto, sopra la porta, a cui aggrapparsi. Questione di aerodinamica, il tetto è più profilato e basso, ci spiega il direttore del design Authier. Ma c'è sempre l'appiglio sul pannello porta accanto al sedile... Forse la suocera abdicherà al viaggio!
IL MERCATO
Che la Peugeot sia sempre stata un colosso nel “segmento b” - quello delle piccole, in Italia dominato dalla Fiat Punto - lo dimostrano i numeri: oltre 15 milioni di esemplari venduti in Europa dal 1983 a oggi, passando dai 5,2 milioni complessivi della 205, per arrivare agli oltre 7 della 206 e ai quasi 3 della 207.
Con la nuova 208, la Peugeot punta a riconquistarsi il dominio del mercato del segmento in Europa, che in Italia vale il 37% del mercato (in Europa il 30%). E dovrebbe avere vita facile, perché è la prima europea di una generazione completamente rinnovata (entro l'anno è attesa anche la Renault Clio 4) e con contenuti di livello. La gamma, al debutto a metà aprile, prevederà un 1.4 e un 1.6 a benzina da 95 CV e 120 CV oppure diesel 1.4 da 68 CV o 1.6 da 92 o 115 CV. Con l'estate, arriveranno due nuovi tre cilindri a benzina di un litro o 1,2 litri per 68 e 82 CV di potenza. Tre i livelli di allestimento: Access, Active e Allure. I prezzi spaziano dai 12.400 euro della 1.2 Access 3 porte (consegne a luglio) ai 19.150 della 1.6 e-Hdi 115 CV Allure 5 porte.

Leggi anche il listino prezzi Peugeot.

Tutte le notizie sulla Peugeot.

0Commento

messaggio promozionale

Attività degli amici